*

Nagasaki – 長崎 (1/2)

Date: Updated:2014/11/12 Italiano

ukus flag_jp

Nagasaki   

Durante l’isolamento del Giappone nel periodo Edo l’unico territorio ad avere rapporti con l’Occidente si trovava nel Kyūshū: parliamo naturalmente di Nagasaki!

Questa città portuale si sviluppò a partire, per l’appunto, dal periodo di isolamento del Giappone dal mondo esterno, chiamato “sakoku”. A quel tempo, l’isola di Dejima, realizzata appositamente per ospitare i commercianti stranieri, era abitata dai navigatori olandesi, e gli studi (rangaku), nonché gli scambi scientifici sulla cultura del loro Paese divennero fiorenti.

A Nagasaki i posti da vedere sono molti: per questo, stavolta vi raccontiamo del fascino di Nagasaki con un articolo formato da due parti!

 

Cosa ha di speciale Nagasaki?

 

Nagasaki, nell’estremità occidentale dell’isola del Kyūshū, è una città portuale ricca di luoghi di interesse: molte baie, insenature e monti si estendono nello spazio di questa regione, piena di isole e isolotti, ed è possibile godere di paesaggi mozzafiato.

Durante il periodo di isolamento Nagasaki era di fatto l’unica città giapponese ad avere rapporti con l’estero. Molta dell’influenza occidentale che toccò il Giappone giungeva passando da qui, e grazie a Nagasaki il Giappone poté venne a contatto per la prima volta con la cultura moderna proveniente dall’oltremare.

In quest’epoca, dopo un’iniziale diffusione della religione cristiana, portata dai predicatori occidentali, specialmente dal Portogallo, venne tuttavia avviata la proibizione del cristianesimo, con la conseguente persecuzione degli aderenti alla fede straniera.

Gli olandesi, a differenza dei navigatori lusitani, non avevano invece interessi di tipo evangelico, ma solo di tipo commerciale ed economico. Per questo fu loro permesso di stabilirsi a Dejima.

 

Come arrivare a Nagasaki

 

Se non si proviene dall’isola del Kyūshū, il mezzo di trasporto principale è rappresentato dall’aereo. L’aeroporto di Nagasaki (NGS) è collegato ai principali aeroporti del Giappone, come l’aeroporto Haneda di Tōkyō, l’aeroporto Itami di Ōsaka, l’aeroporto internazionale del Chūbu (Nagoya) e l’aeroporto di Naha, a Okinawa. La durata del volo è di circa 2 ore da Haneda, o 70 minuti da Ōsaka.

Dall’aeroporto di Nagasaki si può raggiungere il centro urbano con un autobus di linea (dettagli per l’autobus: QUI (dal sito dell’Aeroporto di Nagasaki) )

SONY DSC

Volendo raggiungere Nagasaki in treno diamo come riferimento la stazione di Hakata, a Fukuoka (attenzione, quando cercate i collegamenti, la stazione centrale di Fukuoka è “Hakata”, non “Fukuoka”, che si trova ben distante da qui e non centra nulla con questa città!).

Dalla stazione di Hakata a Nagasaki ci sono due espressi limitati ogni ora, e il viaggio dura un paio d’ore. Viaggiando solo sulle linee locali (per esempio se utilizzate il Seishun 18 kippu), si può arrivare a Nagasaki da Hakata in 4-5 ore con un cambio di linea (di solito alla stazione di Tosu).

Se utilizzate il Japan Rail Pass, tutte le tratte sono coperte da esso (tranne i treni veloci Nozomi o Mizuho provenienti da Osaka), e vi consigliamo il Japan Rail Pass Kyushu (o se siete studenti residenti in Giappone, il Ryugakusei Pass Kyushu) se vi volete concentrare su questa grande isola.

Poiché molte attrazione di Nagasaki si trovano a sud della stazione è una città facilissima da visitare, anche a piedi. Per raggiungere invece la zona del parco e del memoriale della bomba atomica, è necessario percorrere qualche chilometro. Provate a spostarvi per la città con il caratteristico tram!

 

Le attrazioni di Nagasaki

 

 

 

Loading
Centra mappa
Traffico
In bicicletta
Trasporti

Dejima

SONY DSC

Dejima è un’isoletta artificiale nel porto dei Nagasaki: fu costruita per isolare i commercianti portoghesi nel 1636. Con la loro dipartita, vi si insediarono gli olandesi.

Attualmente Dejima non è più a circondata dal mare, e pertanto non è corretto chiamarla isola, ma pare che ci sia l’intenzione di farla tornare tale tramite alcuni lavori di ripristino dei canali circostanti. Data la presenza di negozi e gallerie d’arte collegate agli studi olandesi (chiamati “rangaku” in giapponese) è possibile respirare un po’ dell’atmosfera dei tempi che furono.

Entrata: 500 yen
Aperto: tutto l’anno
Fermata del tram più vicina: stazione di Dejima, linea 1 (blu)

 

China Town

SONY DSC

Ce n’è una a Yokohama, una a Kōbe, e infine una anche qui, a Nagasaki: dopotutto si tratta di una città portuale! La Chinatown di Nagasaki fu costruita nel XVII secolo, non lontano da Dejima ed è la più antica Chinatown del Giappone. A quel tempo il Giappone era ancora un Paese isolato, solo il porto di Nagasaki commerciava con la Cina.

SONY DSC

La specialità della Chinatown di Nagasaki è il Nagasaki Chanpon, nella foto qui sopra. Anche gli Udon sono molto popolari. Quasi tutti i ristoranti sono aperti a pranzo dalle 11.00 alle 15.00, e a cena dalle 17.00 alle 21.00.

 

Tempio di Confucio e Olanda-zaka

Il tempio di Confucio (Kōshibyō) è un tempio cinese dove viene venerato Confucio. La parte esterna è decorata con diverse decorazioni e cesellature, e da tegole di colore arancio, proprio come nei templi cinesi, alquanto diversi dai più sobri e austeri templi buddisti giapponesi.

 Olanda zaka

Non lontano si trova la strada chiamata Olanda-zaka (salita Olanda). Dato che quest’area era una volta abitata da commercianti, anche oggi rimangono magazzini ed altri edifici dall’aspetto nostalgico.

 

Chiesa cattolica di Ōura

SONY DSC

La chiesa di Ōura (Ōura Tenshudō) rappresenta la città di Nagasaki: questa bellissima chiesa cattolica risale al periodo Edo. Guardando in alto, dall’inizio della gradinata, le palme che si possono ammirare su entrambi i lati creano un’atmosfera esotica. La chiesa di Ōura è la chiesa più antica del Giappone, è rappresenta l’unica chiesa ad essere riconosciuta come patrimonio nazionale.

Nei pressi della vicina stazione tramviaria di Ōura Tenshudō-shita si raccolgono negozi di souvenir, fra cui molti dolci occidentali di ispirazione portoghese e olandese.

 

Seconda parte dell’articolo (2/2)

Related Post

Google Adsense

Google Adsense

Message

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Google Adsense

Ishigaki-jima – 石垣島

Il mare, l’estate: due pa

Monte Nokogiri – 鋸山

Parliamo di una delle meraviglie de

Noboribetsu Onsen – 登別温泉

In tutte le leggende giapponesi più

More...

shares
PAGE TOP ↑