*

Castello di Shuri – 首里城

Date: Updated:2014/11/12 Italiano ,

flag_jp ukus

A Naha, nel cuore della prefettura di Okinawa, sono molti i luoghi da visitare. Oggi ne presentiamo uno di questi, il castello di Shuri!

Che cosa ha di speciale il castello di Shuri?

 

SONY DSC

Il castello di Shuri è, insieme alle altre fortezze di Okinawa (gusuku), registrato come patrimonio mondiale UNESCO.

Si tratta di uno splendido edificio che differisce nello stile rispetto alle altre fortificazioni nipponiche. Fino a prima del periodo Meiji, Okinawa faceva infatti parte del regno indipendente delle isole Ryūkyū: grazie al vivido rosso vermiglio della parte esterna dell’edificio si può percepire l’influenza della cultura delle Ryūkyū, a sua volta molto legata a quella cinese.

Non è chiaro da quanto tempo il regno delle Ryūkyū esistesse, si pensa che risalisse probabilmente al XV secolo. In quel periodo, durante il consolidamento del regno, molte fortezze come quella di Shuri rivestivano un ruolo importante nelle guerre. In passato il castello di Shuri fu distrutto quattro volte, ma poi sempre ricostruito: l’ultima volta fu danneggiato nel 1945 durante la battaglia di Okinawa. Quella che si può vedere ora è una fedele ricostruzione risalente al 1992.

 

SONY DSC

Il castello sorge su un’altura a 4 km di distanza dal centro di Naha. Oltrepassando le mura dei cancelli Shurei e Zuisen, compare davanti ai propri occhi la forma della sala principale.

Come detto in precedenza, a differenza degli altri castelli giapponesi l’esterno è formato da una base rosso vermiglio. Lo stile del tetto, ricoperto con le tegole, si avvicina di più a quello cinese che a quello giapponese.

Ai lati della sala principale ci sono l’ala nord e l’ala sud. L’interno dell’edificio è ora un museo dove è possibile vedere reperti della cultura Ryūkyūana.

In più, trovandosi ad un altezza di 130 metri sul livello del mare, la vista del porto di Naha e del bellissimo mare di Okinawa è suggestiva.

 

Come raggiungere il castello di Shuri

 

SONY DSC

Per prima cosa dirigiamoci all’aeroporto di Naha, a Okinawa. Il costo del biglietto aereo può essere alto a seconda della stagione ma con le compagnie low cost è possibile trovare dei biglietti di andata e ritorno a 10.000 yen.

Una volta all’aeroporto, si prende la monorotaia urbana di Naha (Yurail) e si scende al capolinea, la stazione di Shuri. Al castello si può arrivare a piedi con una passeggiata di 20 minuti dalla stazione. Altrimenti, sempre dalla stazione, è possibile prendere un autobus diretto al castello. Presentando il biglietto dell’autobus all’ingresso del castello di Shuri si ottiene uno sconto sul biglietto per visitare la fortezza.

 

Impressioni

 

SONY DSC

Essendo stata questa la mia prima volta ad Okinawa non vedevo l’ora di visitare il castello di Shuri. Dal mio hotel, situato nelle vicinanze di Kokusai-dōri, la via principale di Naha, ho camminato fino alla stazione della monorotaia, e dalla posizione sopraelevata ho goduto di una piacevole veduta sulla città. Anche se per raggiungere il castello dalla stazione il percorso è un po’ complicato, lungo la strada ho trovato delle indicazioni e sono arrivato a destinazione senza perdermi.

SONY DSC

Giunto davanti alla porta della fortezza ho subito percepito la differenza rispetto ai castelli giapponesi visitati in precedenza. Tutt’intorno innanzitutto era pieno di palme, vegetazione tipica di Okinawa, ma non molto diffusa nello Honshu e nelle altre isole a nord. Salita una scalinata di pietra, sono passato sotto all’impressionante cancello Suizen. Questo portale richiama il periodo del regno delle Ryūkyū e lì vicino si trova il pozzo di Ryūhi, a forma di drago dalle cui fauci fuoriesce l’acqua, e che veniva usato come fonte di acqua potabile per il palazzo reale.

 

SONY DSC

Al di là del cancello Suizen si apre una grande piazza al cui centro si sviluppa il giardino di Shichanuunaa. Qui si trova il cancello Kōfuku, l’ultimo portale al di là del quale l’ingresso diviene a pagamento.

 

SONY DSC

Entrando si vede subito la sala principale dai muri rosso vermiglio, e con il tetto ricoperto dalle tegole. Il tutto è stato costruito in maniera simmetrica. Ho provato l’esatta sensazione del tornare indietro con una macchina del tempo. All’interno della sala principale sono esposti molti oggetti, il trono e gli ornamenti reali erano particolarmente splendidi!

 

SONY DSC

Il castello di Shuri, uno degli elementi centrali, assieme al mare tropicale, del mio viaggio a Okinawa, si tratta di un luogo molto suggestivo e caratteristico. Recandovi a Okinawa non dimenticate di passare un paio di ore fra le antiche mura del castello di Shuri!

Related Post

Google Adsense

Google Adsense

Message

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Google Adsense

Monte Nokogiri – 鋸山

Parliamo di una delle meraviglie de

Noboribetsu Onsen – 登別温泉

In tutte le leggende giapponesi più

Kaiko-en 懐古園

Secondo molti, è Karuizawa a rappre

More...

shares
PAGE TOP ↑