*

Iwakuni – 岩国

Date: Updated:2017/10/22 Italiano , , ,

 

Iwakuni1

1024px-Kintaikyou_bridge

Ecco Iwakuni, nella prefettura di Yamaguchi. Data la sua vicinanza alla provincia di Hiroshima, la consigliamo a chi visita la vicina Miyajima.

Cos’ha di speciale Iwakuni?

 

Iwakuni era in passato una città fortificata e il suo castello era tra le migliori fortezze del tempo: noto anche con il nome di Yokoyama-jō, fu completato nel 1608 dal clan kikkawa. In seguito all’editto del nuovo shogunato Tokugawa, che prevedeva la presenza di una sola fortezza per provincia, il castello di Iwakuni venne demolito nel 1615. La struttura odierna è quindi una ricostruzione che giace sulla base di quella originale, ovvero sull’altura che costituisce l’ansa del fiume Nishiki.

Il vero simbolo di Iwakuni, il ponte Kintaikyō, portava un tempo all’ingresso principale del castello. Questo è uno dei tre ponti antichi più famosi del Giappone: i suoi 5 archi si estendono per 193 metri di lunghezza complessiva. Recandosi a Iwakuni in primavera, l’intrecciarsi del ponte Kintaikyō con i ciliegi crea una visione davvero suggestiva.

Come si arriva a Iwakuni?

Tra Tōkyō e Iwakuni c’è un po’ di distanza, si consiglia quindi diusare lo Shinkansen.

Iwakuni

Soluzione 1 (5 ore circa)

Da Tōkyō si raggiunge la stazione di Hiroshima con il treno super-
veloce “Nozomi” della linea Tōkaidō Shinkansen. Qui si prende la coincidenza e con il treno super-veloce “Kodama“, e si arriva alla stazione Shin-Iwakuni. Dalla stazione si Shin-Iwakuni, con un autobus con destinazione la stazione di Iwakuni, si giunge in circa 12 minuti di viaggio al ponte Kintaikyō.

※ In caso si viaggi sulle linee convenzionali (regionali), dalla stazione di Iwakuni delle linee Sanyō principale e Gantoku si può prendere l’autobus urbano in direzione Kintaikyō Bus Center.

Soluzione 2

In automobile dal casello di Iwakuni dell’autostrada San’yō, arrivare è semplice.

Impressioni

KONICA MINOLTA DIGITAL CAMERA

Abbiamo visitato Iwakuni nella stagione di fioritura dei ciliegi. L’accostamento dei fiori sbocciati al ponte Kintaikyō creava un insieme bellissimo. Abbiamo passeggiato lungo il corso del fiume fino a ad arrivare sotto al primo arco del ponte. Attraversando il corso d’acqua  l’impressione è subito stata quella di tornare indietro nel tempo, nell’antico Giappone.

Proprio in quel giorno si teneva il festival dei ciliegi: il posto era dunque molto affollato ma si poteva fare un pic-nic sulle spaziose rive del fiume. Tra le bancarelle c’erano anche dei chioschi che vendevano il gelato. Qui, infatti, si dice vi sia la scelta di gusti più varia del Giappone: fiore di ciliegio, mandarino e ancora, con grande sorpresa, gelato al gusto di ramen e pizza. Pare che ci fossero ben 201 gusti diversi!

KONICA MINOLTA DIGITAL CAMERA

Nelle vicinanze del ponte ci sono altri posti da vedere. Nel padiglione delle esposizioni, molto interessante, si potevano vedere dei serpenti bianchi.

Con la funivia vicino al ponte Kintaikyō abbiamo raggiunto il castello di Iwakuni, che domina la città: la fortezza è oggi un museo storico. Da lì abbiamo potuto ammirare il ponte e le isole del mare interno, lo stesso che bagna l’isola di Miyajima, poco lontana.

Related Post

Google Adsense

Google Adsense

Message

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Google Adsense

no image
Terme di Kusatsu – 草津温泉

La prefettura di Gunma è si

Sefa-Utaki 斎場御嶽

Prima di diventare la prefettura di

Castello di Hikone – 彦根城

Il castello di Hikone è il simbolo

More...

shares
PAGE TOP ↑