Monte Aso – 阿蘇山

Il monte Aso, nella prefettura di Kumamoto, è il vulcano più importante del Kyūshū: da vedere assolutamente per chi visita questa regione, raccoglie in sé una spettacolare natura e paesaggi mozzafiato.

Asosan

1024px-Mt.Aso_and_caldera01

Cos’ha di speciale il monte Aso?

SONY DSC

Immerso nel parco nazionale Aso-kujū, il monte Aso (la cui cima raggiunge i 1592 metri) è il più “sveglio” tra i vulcani attivi del Giappone. Anche se comparato alle altre montagne non spicca per la sua altezza, tra i vulcani è il più esteso della nazione. Le dimensioni della sua famosa caldera lo rendono tra i più importanti al mondo.

Secondo i ricercatori, la quantità di lava eruttata fino a oggi dal monte Aso sarebbe pari al volume del monte Fuji. E’ possibile salire fino alla caldera con la funivia e fare hiking durante la visita.

Come si arriva al monte Aso?

Per informazioni sull’accesso, cliccare qui!

Impressioni

Mentre con l’espresso limitato “Kyūshū-ōdan” ci dirigevamo alla stazione di Aso-san all’inizio di novembre, ammiraravamo il paesaggio lussureggiante della vegetazione dal treno. I nostri occhi sono subito stati catturati dalla singolare stazione in legno scuro di Aso, molto elegante. Nella piazza di fronte, ci sono taxi, un ufficio turistico e un piccolo negozio: l’atmosfera è molto tranquilla.

Abbiamo alloggiato presso lo “Aso-san Youth Hostel” e visitato un po’ i dintorni (nei pressi si trova anche un piccolo santuario solitario).
La cittadina di Aso è un posto calmo e pacato.

SONY DSC

Per prima cosa, ci siamo recati al campo Kusasenri con l’autobus. Questo è situato nella conca della caldera del monte Aso: qui abbiamo potuto vedere cavalli e mucche pascolare.

Nel pomeriggio, di nuovo in autobus, ci sono direttu alla stazione di Aso-san Nishi. Purtroppo, a cusa della nebbia, abbiamo deciso di non salire al cratere Nakadake.

Mentre aspettavamo l’autobus per il ritorno, abbiamo trovato un piccolo santuario vicino alla stazione della funivia. Con la nebbia, il posto assumeva un che di misterioso, forse anche un pochino tetro, ma sicuramente impressionante. Se la prossima avremo la fortuna di trovare bel tempo, andremo sicuramente a vedere il cratere Nakadake e il vicino Komezuka.

Related Post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.